Module 2.5: Come lavorare in sicurezza, indipendentemente dal luogo di lavoro

Aterrizando el contenido
Manos a la obra
Evaluación

Aterrizando el concepto

Lavorando quasi il 100% del tempo all’interno, in posizione seduta e frequentemente al telefono o scrivendo al computer getta le basi per lo sviluppo di alcuni dei peggiori infortuni possibili… 

(Albert Einstein College of Medicine)

La salute e la sicurezza sul lavoro è un campo multidisciplinare della sanità che si occupa di permettere a un individuo di svolgere il suo lavoro nel modo meno gravoso per la sua integrità fisica e psicologica.. Le norme relative alla salute e sicurezza sul lavoro assicurano che tutte le persone coinvolte e interessate siano il più possibile al sicuro e protette da tutto ciò che può causare loro danno. Si tratta effettivamente di limitare tutti i rischi di infortunio o per la salute che potrebbero sorgere nell’ambiente di lavoro. I datori di lavoro hanno il dovere, secondo leggi sulla salute e la sicurezza, di valutare i rischi sul posto di lavoro e di fornire misure per ridurre al minimo questi rischi e per garantire che tutte le persone che possono essere colpite siano ben informate e preparate ad affrontare efficacemente i possibili rischi.

 

La sicurezza e la salute sul lavoro sono di competenza del legislatore nazionale,  quindi possono esistere differenze nelle leggi e nelle linee guida di ogni paese. I paesi europei seguono tuttavia le direttive europee stabilite come standard minimi per la sicurezza e la salute sul posto di lavoro. Queste ultime sono attuate attraverso la legislazione nazionale degli Stati membri, che possono adottare norme più severe per proteggere i loro lavoratori, ma la loro legislazione deve rispettare i predetti standard minimi descritti dalle direttive europee. Di conseguenza, la legislazione nazionale in materia di sicurezza e salute varia in tutta Europa. In molti paesi dell’UE c’è una forte cooperazione tra le organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori (ad esempio, i sindacati) per garantire una buona sicurezza e salute sul lavoro, perché questo comporta vantaggi sia per il dipendente (attraverso una salute sostenuta, la produttività e la soddisfazione sul lavoro) che per il datore di lavoro (attraverso una migliore produttività e qualità).

Le Istituzioni di insegnamento universitario non fanno ovviamente eccezione, e devono rispettare la legislazione nazionale. L’obiettivo della sicurezza e della salute sul lavoro è quello di promuovere un ambiente di lavoro sicuro e sano non solo per i dipendenti, ma anche per proteggere gli utenti, i visitatori o i clienti dell’ambiente di lavoro e il pubblico in generale che può essere interessato dall’ambiente di lavoro. Questo include ovviamente gli studenti e i ricercatori (sia in visita che residenti), dell’istituzione. 

Prendersi cura della salute e della sicurezza non è solo un obbligo legale, ma anche un incentivo per l’organizzazione del lavoro: secondo l’ILO (International Labour Organization) il peso economico degli infortuni e dei decessi legati al lavoro è quasi il 4% del prodotto interno lordo globale ogni anno. Sentimenti di insicurezza mentale o fisica, stress, bullismo, abusi sessuali o razziali e altre avversità hanno un enorme costo umano. Esiste una vasta gamma di pericoli sul posto di lavoro:

  • Pericoli fisici
  • Pericoli biologici
  • Pericoli chimici
  • Pericoli psicosociali, come sensazioni di insicurezza del lavoro, lunghe ore di lavoro e lo scarso equilibrio tra lavoro e vita privata, che possono essere parte dell’ambiente di lavoro all’interno delle Istituzioni di insegnamento universitario.

Di conseguenza, la salute e la sicurezza sul lavoro si rivolgono a una vasta gamma di discipline e professioni, tra cui medicina, psicologia, epidemiologia, fisioterapia, riabilitazione, terapia occupazionale, medicina del lavoro, ergonomia e molte altre. Attualmente, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione e la cibernetica possono essere aggiunte come un’altra disciplina, a causa della crescente importanza ed esposizione alla digitalizzazione e alla mediatizzazione, che contribuiscono entrambe ad aumentare il rischio, per esempio, di problemi di salute mentale e sindrome da burnout. E oltre ai problemi di salute che sono legati alla maggiore esposizione alle TIC e alle comunicazioni online, durante la pandemia Covid-19, c’è stato un massiccio aumento delle minacce cibernetiche con un rischio allargato di interruzione del lavoro. (Facoltativo: se siete interessati ad esplorare questo argomento ancora più in profondità, guardate questo video: https://youtu.be/4BNVQL5aMvA . Nota: dura circa 45 minuti)

Tipicamente i pericoli basati sul lavoro sono direttamente collegati al luogo di lavoro, ma nelle Istituzioni di insegnamento universitario il luogo di lavoro è raramente un’entità unica con un’unità di luogo e tempo facilmente definibile: accademici, ricercatori, personale di supporto e studenti si muovono continuamente tra uffici, sale riunioni, auditorium, laboratori e workshop nel campus. Inoltre gli studenti e il personale lasciano regolarmente l’ambiente “sicuro” regolato e controllato del campus universitario per lavorare da casa, nello spazio pubblico, in ambienti esterni (anche aziendali), all’estero, ecc. L’orario di lavoro si estende regolarmente oltre il regime dalle 9 alle 5, le condizioni di lavoro sono spesso imprevedibili, per esempio durante le attività di ricerca o di studio. 

Poi ci sono rischi tipici legati alla vita studentesca dove l’Istituzione dovrebbe assumersi la sua responsabilità, per esempio nello svolgimento delle procedure di iniziazione degli studenti (si veda ad es. https://www.vrt.be/vrtnws/en/2021/08/05/18-members-of-student-fraternity-to-stand-trial-for-the-death-of/), o nella protezione degli studenti contro gli atti di violenza nel campus, che fortunatamente non è un problema in europa come nei campus americani, ma dove l’Istituzione  deve assumersi le sue responsabilità per proteggere gli studenti nel suo campus. 

(Facoltativo: leggete questa sentenza della Corte Europea per i Diritti Umani: https://hudoc.echr.coe.int/eng#{%22itemid%22:[%22001-204603%22]}). 

Negli ultimi anni c’è un evidente spostamento verso il lavoro, l’insegnamento e l’apprendimento online e indipendente dal luogo e dal tempo. Questo movimento è stato accelerato drammaticamente dalla pandemia Covid-19. Questo nuovo modo di lavorare, insegnare e imparare ha causato una serie di nuovi rischi e pericoli. Ci sono naturalmente prima di tutto le misure (transitorie) relative al Covid-19 che sono imposte dalla regolamentazione nazionale per la sicurezza e la salute pubblica, che temporaneamente scavalcano le norme di sicurezza e salute del datore di lavoro. Queste includono per esempio il telelavoro obbligatorio e gli orari flessibili, l’aumento della ventilazione, i dispositivi di protezione personale come i gel per le mani e le maschere per il viso, l’allontanamento fisico e i programmi di pulizia migliorati, tutte misure che riguardano il posto di lavoro indipendentemente dal luogo e dal tempo, ma che possono avere un impatto sui colleghi o sui membri della famiglia dei dipendenti. Per far fronte a questa nuova normalità, le Risorse Umane, i servizi psicosociali, l’IT, le strutture e la sicurezza sul posto di lavoro devono lavorare a stretto contatto, poiché i problemi che affrontiamo ora hanno un impatto su tutti e quattro questi settori. Le misure di salute e sicurezza che sono ovvie e accettate sul posto di lavoro nella sede dell’Istituzione d’insegnamento universitario possono aver bisogno di essere estese e adattate al posto di lavoro remoto per ogni datore di lavoro. Questo include per esempio le linee guida sull’ergonomia, il carico di lavoro, l’igiene e così via. 

E poi ci sono anche rischi sempre più psicologici e sociali, alcuni dei quali legati alle nuove condizioni di lavoro durante la pandemia. Possono variare dalle preoccupazioni di contrarre la COVID-19, alla tristezza per la malattia o la morte di un parente o di un amico, ai cambiamenti nei modelli di lavoro ma anche più in generale all’aumento dei sentimenti di solitudine e al cambiamento dell’equilibrio lavoro/vita. Anche le difficoltà finanziarie o interpersonali derivanti dalla pandemia possono influenzare negativamente i sentimenti di sicurezza. I tipici meccanismi di coping come lo spazio personale o la condivisione dei problemi con gli altri a loro volta sono problematici in quanto le misure di distanziamento sociale possono impedire. 

Queste condizioni completamente nuove possono richiedere nuove misure da parte della gestione della salute e della sicurezza nell’Istituzione, come il controllo dei dipendenti per vedere come stanno, facilitando le interazioni dei lavoratori, e i servizi formali per l’assistenza ai dipendenti, il coaching, o la salute occupazionale. Possono anche richiedere alla gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (OHS) di riconsiderare i nuovi pericoli e rischi causati dalle “violazioni della sicurezza” da parte delle società di social media (ad esempio https://www.the74million.org/article/gaggle-spy-tech-minneapolis-students-remote-learning/), la maggiore dipendenza dalle stesse società come Facebook (la società) che non danno priorità alla sicurezza rispetto ai loro interessi commerciali. Ricordatevi come la loro recente interruzione per svariate ore di tutti e tre i loro principali servizi ha causato diversi problemi dove vi era dipendenza da questi ultimi. 

Inoltre, ci sono questioni completamente nuove e in gran parte sconosciute legate a tecnologie innovative come l’intelligenza artificiale e le nanotecnologie che stanno entrando sempre più nella vita dentro e fuori dal campus. Si pensi alle tecnologie semplici e già ben accettate per il rintracciamento delle persone tramite il riconoscimento dei volti. 

(Facoltativo: si legga la parte pertinente sulla sicurezza nella proposta della Commissione Europea riguardante le nuove regole e azioni per l’eccellenza e la fiducia nell’Intelligenza Artificiale https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/en/ip_21_1682)

Attività Interattive

La gestione della salute e della sicurezza sul lavoro richiede un approccio multidisciplinare in cui si combinano diversi tipi di conoscenze e competenze: medicina, psicologia, epidemiologia, fisioterapia, riabilitazione, terapia occupazionale, medicina del lavoro, fattori umani ed ergonomia, tecnologie dell’informazione e della comunicazione e cibernetica. È evidente che questo non è un compito per una singola persona o servizio, ma che richiede un approccio olistico dentro e fuori dal campus.

Il ruolo del manager in questo è quello di garantire che tutti gli aspetti siano presi in considerazione e che la sicurezza sul lavoro non solo stia al passo con l’evoluzione della regolamentazione e delle intuizioni più recenti, ma anche che guardi alle nuove sfide e pericoli, come l’AI e le nanotecnologie. Al fine di ottenere una comprensione più profonda della gestione della sicurezza sul lavoro e del suo stato nella vostra istituzione, è necessario essere coinvolti nel lavoro degli strumenti e degli organismi OHS. Date le questioni occasionalmente legate alla privacy, questo può richiedere misure di autorizzazione e riservatezza. 

Provate a rispondere alle domande seguenti (massimo un’ora per risposta):

Avete un quadro completo delle statistiche di salute e sicurezza nella vostra istituzione e della sua evoluzione negli ultimi 3-5 anni? Potete distinguere le tendenze? Ci sono lacune nei dati o nelle informazioni? Queste informazioni sono condivise ai livelli di gestione pertinenti? Sono state intraprese azioni basate sui dati in possesso? 

Le attuali misure per la sicurezza sul lavoro in vigore nella vostra istituzione o organizzazione sono complete e aggiornate? Sono rivolte a tutte le parti che afferiscono alla vostra istituzione? Sono ben leggibili? Gli utenti destinatari ne sono sufficientemente a conoscenza? Potete fare un piccolo sondaggio a campione per valutare questo a livello aneddotico. 

La vostra istituzione fornisce strumenti e linee guida per la sicurezza informatica e la sicurezza non solo nel campus ma anche fuori dal campus, a casa, a distanza? Si veda per esempio https://admin.kuleuven.be/icts/english/e-mune/index per alcune linee guida e strumenti pratici, o https://core.ac.uk/download/pdf/51141415.pdf per un approccio più teorico. 

Scrivete e condividete un post sul blog contenente le vostre conclusioni e raccomandazioni da condividere con il pubblico. Fate attenzione a non condividere informazioni che possono essere considerate potenzialmente sensibili riguardo allo istituzione.

Test

References

Le pagine da cui partire per avere per una visione globale sulla sicurezza e la salute sul lavoro con molte informazioni utili, fatti, cifre, linee guida e strumenti. http://www.ilo.org/global/topics/safety-and-health-at-work/lang--en/index.htm

https://www.sans.org/security-awareness-training/sans-security-awareness-work-home-deployment-kit/ e https://www.sans.org/security-awareness-training/work-home-guide/ 

SANS Security Awareness Work-from-Home Deployment Kit

Tutto ciò di cui hai bisogno per aiutare i dipendenti a creare un ambiente di lavoro sicuro nel nuovo mondo del lavoro remoto. Scoprite cosa è necessario per eseguire rapidamente un'iniziativa di sensibilizzazione alla sicurezza per la vostra forza lavoro remota, nonché per accedere a materiale di formazione supplementare: https://youtu.be/4BNVQL5aMvA.
Il Work From Home Deployment Kit è una guida strategica passo dopo passo su come le organizzazioni possono mettere al sicuro la loro forza lavoro: include obiettivi strategici e modelli di comunicazione, oltre che risorse di formazione per educare e rendere abile la propria forza lavoro.

Un esempio basilare ma completo di guida alla sicurezza informatica. https://www.zdnet.com/article/internet-safety-guide-for-college-students/

Questo documento sottolinea l'importanza della consapevolezza e della protezione della sicurezza informatica. Affronta le motivazioni principali del perché la comunità accademica si trova attualmente in una situazione difficile. Il documento propone soluzioni su ciò che può essere fatto per affrontare le sfide della sicurezza informatica nell'istruzione superiore. https://core.ac.uk/download/pdf/51141415.pdf 

Un esempio di una campagna a livello istituzionale per la sicurezza digitale. https://admin.kuleuven.be/icts/english/e-mune/index

Riferimenti iconografici

librutech.com, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons