Module 3.2. Come mappare l’ecosistema EdTech della vostra istituzione

Introduzione agli argomenti
Attività Interattive
Test

Introduzione agli argomenti

Questo modulo si propone di aiutare ad aumentare la consapevolezza e la comprensione di tutti gli strumenti disponibili per gli accademici (personale docente), indicando i punti di forza e i limiti e rendendo esplicito il loro status di adottati o meno dall’istituzione. Questo aiuterà a identificare eventuali lacune e i potenziali modi per affrontarle:

  • Comprendere le attività da svolgere per mezzo di strumenti digitali.
  • Esplorare le opzioni offerte da questi strumenti.
  • Fare proposte, chiedere consigli.

Educatori e discenti operano all’interno di complesse ecologie dell’informazione – ecosistemi di apprendimento digitale – che possono essere intesi come sistemi di persone, pratiche, valori e tecnologie che operano all’interno di contesti e comunità situate (Nardi, 1999). Le figure successive presentano esempi di componenti di un ecosistema di apprendimento (Team, 2019).

Più precisamente, un ecosistema di apprendimento digitale è composto da otto componenti (Willey, 2019):

  1. Ruoli: i ruoli delle parti interessate (docenti, personale, studenti, ecc.) e le relazioni tra loro
  2. Presentazione: gli strumenti con cui le parti interessate accederanno ai contenuti all’interno dell’ecosistema, come telefoni cellulari e tablet.
  3. Principi: le linee guida che governano l’ecosistema, come l’interoperabilità, la condivisibilità dei contenuti e la validità per l’apprendimento permanente.
  4. Attività educative: le sequenze di eventi che discenti e docenti intraprendono per raggiungere un obiettivo educativo (apprendimento formale e informale), e i vari metodi di insegnamento, la progettazione della valutazione, i progetti di apprendimento, e altre risorse che aiutano le parti interessate nella didattica e nell’apprendimento.
  5. Contenuto educativo: i diversi risultati dell’apprendimento, il contenuto dell’apprendimento, i profili dei risultati personali (credenziali), e le risorse di valutazione che comprendono il materiale che le parti interessate forniranno come parte della didattica e dell’apprendimento.
  6. Analisi: i modi in cui un ecosistema raccoglie, modella, analizza i dati da diversi input per informare la didattica e l’apprendimento.
  7. Servizi comuni: i servizi che supportano l’ecosistema di didattica e apprendimento e il loro posto all’interno dell’insieme complessivo della tecnologia di un’istituzione, come la gestione delle identità e degli accessi e la sicurezza.
  8. Soluzioni: le diverse soluzioni tecnologiche contenute nell’ecosistema.

Il ruolo della tecnologia nella didattica e nell’apprendimento è diventato più evidente nell’ultimo anno, quando tutte le attività educative in tutto il mondo sono state condotte online come risultato delle misure prese per garantire la distanza sociale a causa dell’epidemia di COVID-19. C’è stata una crescita nelle soluzioni che dichiarano di aiutare le istituzioni con varie iniziative di didattica e apprendimento e molte istituzioni sono passate da un’attenzione esclusiva sulle caratteristiche di una soluzione, la funzionalità, la fattibilità dell’implementazione e il costo – una visione a livello di prodotto – a un bilanciamento di queste considerazioni con la misura di una soluzione all’interno di un ecosistema o con obiettivi organizzativi più ampi – una visione strategica. 

Nell’ambito dell’insegnamento e dell’apprendimento, questa visione strategica si traduce spesso nella disposizione dei prodotti tecnologici e dei principi guida alla base di un ecosistema di didattica e apprendimento. Per esempio, il Georgia Institute of Technology (Georgia Tech) ha sviluppato un ecosistema di apprendimento che comprende tre aree funzionali – gestione dei contenuti e delle attività, gestione dell’impegno e gestione dell’apprendimento – basato sul principio guida dell’interoperabilità tra gli strumenti all’interno dell’ecosistema (Lisle, 2019).

  1. Content and Activity Management (CAM): Permette l’interazione studente-contenuto attraverso la creazione e la consegna di pagine di contenuto, lezioni, risorse multimediali come video, compiti ed esami.
  2. Engagement Management (EM): Permette l’interazione studente-facoltà e studente-studente attraverso la messaggistica, i forum di discussione, le chat e le conferenze web.  Contribuisce a concentrarsi sull’apprendimento tra pari e permette agli istruttori di facilitare l’organizzazione di comunità di apprendimento.
  3. Learning Management (LM): Permette la gestione dei turni, dei voti, delle presenze, dei rapporti sui risultati e relative analisi. 

Quando si selezionano strumenti specifici per ciascuna delle aree funzionali sopra descritte, si dovrebbe considerare che insegnare e apprendere con la tecnologia non significa necessariamente utilizzare l’applicazione più moderna, ma usare gli strumenti in un modo che abbia senso per raggiungere i vostri obiettivi di apprendimento usando la vostra metodologia didattica. Quindi, dovrete valutare l’adeguatezza delle tecnologie educative in termini di criteri di efficacia, quali:

  • Capacità degli studenti e accessibilità: Mentre la generazione di studenti di oggi viene spesso definita “nativa digitale”, questo potrebbe non essere vero per tutti gli studenti. Fattori come l’età, l’esperienza e lo status socioeconomico possono avere un impatto significativo non solo sull’accesso degli studenti a Internet e agli strumenti digitali, ma anche su come questi ultimi usano questi strumenti. L’alfabetizzazione informativa necessaria per utilizzare efficacemente Internet è ancora un’abilità non sviluppata in molti studenti. Cercate di non fare supposizioni sulle capacità degli studenti e sulla loro familiarità con la tecnologia.
  • Copyright: A causa della vasta disponibilità di informazioni via Internet, sia gli studenti che i docenti devono confrontarsi con la realtà del copyright. Mentre i docenti sono generalmente esperti per quanto concerne la citazione accademica, possono avere meno familiarità con ciò che possono e non possono reperire dal web per usarlo nelle loro classi. Vi consigliamo di consultare questa pagina web come guida sul copyright.
  • Privacy: Mentre i sistemi di gestione dell’apprendimento sono autonomi, spesso impediscono agli studenti di condividere il loro lavoro con un pubblico più ampio (che può aiutare gli studenti a percepire i progetti di classe come più rilevanti). Tuttavia, molti strumenti digitali gratuiti raccolgono i dati degli utenti per una serie di ragioni. Per alcuni studenti, questo può essere un problema. Considerate i problemi di privacy quando decidete quali strumenti intendete usare e siate disposti a discutere questi problemi e preoccupazioni con gli studenti. Ogni Università ha linee guida specifiche che possono aiutarvi a risolvere questo problema.
  • Accesso amministrativo: Alcune configurazioni tecniche delle reti universitarie potrebbero non permettere a docenti o studenti di scaricare certi strumenti.
  • Larghezza di banda: La quantità di dati che possono essere trasportati da un punto all’altro. Varia in base al dispositivo e alla rete utilizzati. Alcuni computer e reti possono non essere attrezzati come altri.
  • Compatibilità: Alcune applicazioni di tecnologia educativa possono essere accessibili solo a chi ha certi dispositivi di una marca. Tenetelo a mente mentre selezionate gli strumenti da adottare.

Vi invitiamo a esplorare diversi esempi di come altre Università hanno progettato i loro ecosistemi di apprendimento e i criteri utilizzati per selezionare gli strumenti per i loro ecosistemi:

  • Leggete l’articolo “Selecting Educational Technologies: A Checklist che trovate nella sezione “Teaching Commons” della University of North Texas. Questo articolo fornisce una dettagliata lista di controllo dei criteri utilizzati per selezionare gli strumenti in base alla loro adeguatezza al loro ecosistema di apprendimento. (15 min)

Attività Interattive

  • Create un post sul blog in cui descriverete l’ecosistema di apprendimento della vostra organizzazione, facendo una chiara distinzione tra gli strumenti attualmente utilizzati per le tre aree funzionali presentate in questo modulo e che saranno necessari in futuro secondo la strategia di apprendimento della vostra istituzione.
  • Fate una proposta presentando almeno due strumenti necessari nel prossimo futuro nel vostro ecosistema di apprendimento, utilizzando una delle tecniche incluse nel toolkit Vision and strategy.
  • Discutete di una proposta con alcuni colleghi della vostra istituzione e chiedete opinioni sulla vostra idea. Potete farlo faccia a faccia o in un incontro virtuale.
  • Condividete la tua proposta con i vostri compagni di corso, trovate tre punti forti / deboli della proposta presentata, e date un feedback a una proposta di altri partner.

Test

References

Lisle, M. a. (2019, 02 19). Towards An Ecosystem of Platforms: The Critical Importance of Interoperability. Retrieved from The evolution: A modern Campus Illumination: https://evolllution.com/technology/infrastructure/towards-an-ecosystem-of-platforms-the-critical-importance-of-interoperability/?utm_campaign=EvoLLLution%20Newsletter&utm_source=hs_email&utm_medium=email&utm_content=70223784&_hsenc=p2ANqtz-8MltqLMvSHj25NG

Nardi, B. A. (1999). Information ecologies: Using technology with heart. MIT Press.

Team, 2. R. (2019, Dec). What Is a Learning Ecosystem? Retrieved from https://edtech.worlded.org/what-is-a-learning-ecosystem/

Willey, J. (2019, April 2). How to Shift Your Strategy and Put the ‘Tech’ in Teach. Retrieved from https://encoura.org/how-to-shift-your-strategy-and-put-the-tech-in-teach/